PROTESICA SPALLA, ANCA, GINOCCHIO

protesica spalla, anca, ginocchio

hip_oa_intro01

protesi ginocchio 2protesi ginocchio

hip_oa_intro01 knee_osteoarth_diagnosis01ARTROSI SPALLA DISEGNO

L’osteoartrosi (OA) è un problema comune per molte persone dopo la mezza età. L’OA si sviluppa spesso su base degenerativa. L’ OA  colpisce principalmente l’articolazione dell’anca e del ginocchio e più raramente le altre articolazioni come la spalla, il gomito e il collo piede. Ora i chirurghi hanno molte possibilità per trattare l’OA  per cui i pazienti hanno meno dolore con una migliore articolarità e quindi una migliore qualità della vita.

EZIOPATOGENESI

La cartilagine articolare è il rivestimento liscio che riveste le superfici articolari. La cartilagine articolare dà la libertà di movimento diminuendo l’attrito. Lo strato di osso appena sotto la cartilagine articolare è chiamato osso subcondrale. Il problema principale nell’ OA è la degenerazione della cartilagine articolare. Quando la cartilagine articolare degenera o si logora, l’osso subcondrale è scoperto ed essendo ricco di vasi e terminazioni nervose determina la sintomatologia dolorosa.  RX GINOCCHIA IN COMP

Come si sviluppa l’ OA?

L’OA può essere primitiva e secondaria. La primitiva è causata da fattori genetici, da deviazioni d’asse, quindi da fattori intrinseci alla persona, la seconaria può essere causato da un trauma o frattura  che può influenzare cambiamenti nel movimento e di allineamento e quindi causare usura delle superfici articolari. Non tutti i casi di OA sono legate a problemi di allineamento o causati da un trauma precedente. Si ritiene che la genetica rende alcune persone inclini a sviluppare l’ OA e che i problemi nell’osso subcondrale possono innescare cambiamenti nella cartilagine articolare. Come detto, l’osso subcondrale è lo strato di osso appena sotto la cartilagine articolare. Normalmente, la cartilagine articolare protegge l’osso subcondrale. Ma alcune condizioni mediche possono rendere l’osso subcondrale troppo duro o troppo morbido, cambiando così  la consistenza cartilaginea tale da alterare il normale assorbimento del carico nell’articolazione. La Necrosi Avascolare (AVN) è un’altra causa di degenerazione dell’articolazione. In questa condizione il capo articolare  perde una parte del suo apporto di sangue e “muore”. Questo porta alla degenerazione della articolazione con il suo collasso. AVN è stato collegato a alcolismo, fratture e lussazioni e trattamento a lungo termine cortisone utilizzato per combattere altre malattie.

Sintomi

sintomi artrosi 1sintomi artrosi ginocchio

I sintomi di osteoartrosi cominciano solitamente con  il dolore. Si può zoppicare in modo da ridurre la quantità di forza che l’articolazione deve affrontare (artrosi anca, ginocchio, collo piede).                I cambiamenti che avvengono con l’OA possono causare all’articolazione interessata una sensazione di rigidità con perdita del range di movimento. Gli speroni ossei che si sviluppano di solito possono essere la causa che limita il movimento articolare. Infine, come la condizione peggiora, il dolore può essere presente per tutto il tempo e può anche tenervi svegli la notte.

Diagnosi

La diagnosi di osteoartrosi inizia con una storia completa e un esame clinico da parte del medico.

Le radiografie sono necessarie per determinare l’entità del danno cartilagineo e quindi per porre la giusta indicazione terapeutica al problema.

Altri esami possono essere richiesti se vi è motivo di ritenere che altre condizioni sono presenti nel contribuire al processo degenerativo. La risonanza magnetica (MRI) può essere necessario determinare se vi è un problema di  AVN. Gli esami del sangue può essere richiesto per escludere l’artrite sistemica o infezione.

Trattamento

Il trattamento non chirurgico

L’OA non può essere curata, ma vi sono diverse terapie a disposizione per alleviare i sintomi e rallentare la degenerazione dell’articolazione. Il medico può prescrivere farmaci per aiutare a controllare il dolore.  Alcune persone possono anche ottenere sollievo del dolore con farmaci anti-infiammatori, come l’ibuprofene e aspirina. I farmaci anti-infiammatori chiamati COX-2 inibitori mostrano risultati promettenti e non sembrano causare il più problemi di stomaco o altri disturbi di intestinali.

farmaci

Studi medici hanno dimostrato che la glucosamina e condroitin solfato può anche aiutare le persone con OA. Questi supplementi sembrano avere quasi gli stessi benefici anti-infiammatori medicina con meno effetti collaterali. Molti medici ritengono la ricerca supporta questi integratori e stanno incoraggiando i loro pazienti a usarli. Se non si è in grado di ottenere i sintomi sotto controllo, si può intraprendere un ciclo di infiltrazioni con corticosteroidi. Il cortisone è un potente anti-infiammatori, ma ha effetti collaterali che ne limitano l’utilità nel trattamento di OA. Iniezioni multiple di cortisone può effettivamente accelerare il processo di degenerazione. Iniezioni ripetute possono aumentare il rischio di sviluppare una infezione articolazione chiamata artrite settica. Ogni volta che viene inserito una articolazione un ago vi è la possibilità di sviluppare un’infezione. La maggior parte dei medici utilizzano cortisone con parsimonia, e di evitare iniezioni multiple a meno che la degenerazione artrosica è già nelle fasi finali e si è vicino all’impianto di una protesi totale. La terapia fisica gioca un ruolo fondamentale nel trattamento non chirurgico di osteoartrosi. Un obiettivo primario è quello di aiutare a imparare a controllare i sintomi e massimizzare la salute della vostra articolazione. La rieducazione motoria e gli esercizi di stretching saranno utilizzati per migliorare il movimento articolare. Potrete effettuare esercizi di rinforzo muscolare  per stabilizzare l’articolazione e proteggerla da urti e stress. Il fisioterapista può suggerire esercizi utili per rinforzare la vostra articolazione esercitando il minore stress su di essa.

idrochinesi terapia artrosi

Chirurgia

hip_oa_surgery02knee_osteoarth_surgery03PROTESI SPALLA 1 In alcuni

Artroscopia

HipArthroscopy

Chirurghi possono utilizzare un artroscopio per controllare le condizioni della cartilagine articolare in un giunto. Un artroscopio è una telecamera in miniatura inserito nel giunto se una piccola incisione. Durante il controllo lo stato della cartilagine, il chirurgo può provare alcune tecniche diverse per dare sollievo dal dolore. Un metodo comporta la pulizia del giunto rimuovendo frammenti sciolti di cartilagine. Un altro metodo consiste semplicemente nel lavaggio del giunto con una soluzione salina, dopo di che alcuni pazienti riferiscono sollievo. Questa procedura è a volte utile per il sollievo temporaneo dei sintomi. Artroscopia dell’anca è relativamente nuovo, e non è chiaro in questo momento quali pazienti trarranno beneficio.

Osteotomia

osteotomia 1osteotomia ginocchio 2

Quando l’allineamento dell’articolazione  è alterato da una malattia o da un trauma, si può avere una alterazione dei carichi sulle superfici dell’articolazione. Questa pressione porta a maggior dolore e ad una più veloce degenerazione delle superfici articolari. In alcuni casi l’intervento chirurgico per riallineare gli angoli  può comportare uno spostamento della pressione alle altre parti sane dell’articolazione. L’obiettivo è quello di diffondere le forze su una superficie maggiore. Questo può contribuire ad alleviare il dolore e ritardare l’ulteriore degenerazione. La procedura per riallineare gli angoli del comune è chiamata osteotomia. In questa procedura, l’osso è tagliato per cambiare l’angolo dell’articolazione. La procedura non è sempre successo. In genere si riduce il dolore, ma non si elimina del tutto. Il vantaggio di questo approccio è che le persone molto attive hanno ancora la loro articolazione e, una volta che l’osso guarisce, ci sono meno restrizioni motorie. Una procedura di osteotomia anche nel migliore dei casi è probabilmente una procedura solo temporanea. Si pensa che questa operazione compra qualche tempo prima una protesi totale diventa necessario. Una protesi d’anca artificiale è l’ultima soluzione per l’OA dell’anca avanzata. I chirurghi preferiscono non mettere una nuova articolazione dell’anca in pazienti con meno di 60 anni. Questo perché i pazienti più giovani sono in genere più attivi e potrebbe mettere troppo stress sulle articolazioni, causando un allentamento o addirittura rompersi. Un intervento correttivo per sostituire un giunto danneggiato è più difficile da fare, ha complicazioni più possibili, e di solito è meno successo per la prima volta un intervento chirurgico di sostituzione articolare.

Reinserimento

Cosa devo aspettarmi dopo il trattamento?

Riabilitazione non chirurgico

La riabilitazione non chirurgica di osteoartrosi viene utilizzato per massimizzare la salute del vostra articolazione e di prolungare il tempo prima di qualsiasi tipo di intervento chirurgico. In caso di OA avanzata in cui è indicato l’intervento chirurgico i pazienti possono comunque eseguire fisioterapia prima dell’ intervento chirurgico per imparare e discutere sugli esercizi da eseguire subito dopo l’intervento chirurgico.

Dopo l’intervento chirurgico

Poco dopo l’intervento chirurgico, il fisioterapista inizia subito il recupero nella vostra stanza di degenza e continuerà il suo recupero confrontandosi periodicamente con il chirurgo operatore fino al ripristino ottimale dell’attività articolare.